Karoubian Tappeti

banner_lavaggio

Il tappeto è un bene prezioso essendo un oggetto eseguito interamente a mano, oltre al costo economico bisogna pensare anche al valore emotivo che conserva. Grazie alla sua durata riesce ad accompagnarci per moltissimi anni, si tramanda di generazione in generazione e richiama in noi un ricordo, proprio come se fosse un album, poiché  ad esempio apparteneva alla nonna, oppure è un acquisto fatto durante un viaggio, un regalo del matrimonio e molto altro. 

Il tappeto esiste da secoli, nasce con la prospettiva di avere una lunga durata, nonostante il grande utilizzo quotidiano che se ne fa e le abitudini di chi lo possiede, diventando così testimone del tempo vissuto. Proprio per questo motivo anche lui necessita di cure, come il lavaggio ,il restauro e le riparazioni .

Lavaggio

I tappeti hanno bisogno di essere lavati spesso, aspettare molto tempo (ad esempio dieci anni) oppure non lavarli del tutto, reca un danno grave sia alla struttura che al suo aspetto. Non è da sottovalutare inoltre il fattore igienico. La polvere e lo sporco accumulato intorno ai nodi (nel cuore della struttura del tappeto) esercitano una forte azione abrasiva, accelerando così l’usura e favorendo un brutto invecchiamento (il vello grigio di sporco, polvere, inquinamento, macchie , urina ecc.). Vengono danneggiati gravemente inoltre la fibra e i colori incidendo notevolmente così sulla durata e rendendo il suo aspetto stanco e malandato.

Un lavaggio efficace ed eseguito a regola d’arte permette di nutrire e ripristinare le fibre e i colori, ridando vita al vostro tappeto.

Il nostro lavaggio permette di rispondere alle esigenze di ogni singolo tappeto: tutto ciò necessita però di una profonda conoscenza che è indispensabile per trattarlo nel modo più corretto possibile. Per eseguire questo tipo di lavaggio è necessario utilizzare specifici trattamenti e cure che vengono valutati in funzione di molteplici fattori.

La prima cosa che constatiamo è la provenienza (ovvero il paese di origine) del tappeto, esso funge da elemento fondamentale per iniziare a valutare come procedere con il lavaggio. Si passa in seguito a valutare il tipo di fibra (lana , seta, cotone,  sintetico ecc.) i colori, l’età del tappeto (recente, antico, vecchio), le condizioni generali (usure, tagli, buchi, frange rotte, bordi mal messi, ecc.) ed infine lo sporco presente nel tappeto (come inquinamento, ingrigimento, macchie, aloni, urina di animale ecc.). 

Sulla base dei riscontri visivi si applica il tipo di lavaggio più idoneo al tappeto, tenendo in considerazione tutte le possibili dinamiche che si potrebbero riscontrare durante l’operazione.

A dipendenza delle condizioni generali del tappeto e dello sporco presente, eseguiamo diversi tipi di lavaggi: applichiamo questa regola per assicurare al tappeto un trattamento dolce e questo permette di non stressare troppo la struttura, le fibre e i colori. 

I prodotti che utilizziamo sono di alta qualità (non aggressivi), professionali e specifici. È da tenere presente che l’utilizzo di detergenti commerciali sono dannosi per le fibre e colori poiché troppo aggressivi.

Una buona igiene inoltre, diminuisce notevolmente il rischio della formazione di tarme, sopratutto se molto sporchi, poco calpestati oppure non utilizzati. 

Indispensabile è il trattamento specifico applicato sui tappeti che non saranno più utilizzati e che verranno conservati. La prassi che utilizziamo consiste nel lavarli e trattarli con anti-tarme efficaci e professionali, garantendo per circa cinque anni una conservazione con un bassissimo rischio di formazione di tarme. È fortemente sconsigliato conservare un tappeto dopo aver eseguito rimedi fai-da-te, che in genere consistono nell’arrotolare il tappeto sporco o mal lavato con anti tarme commerciali. Questo tipo di metodo potrebbe riservarvi delle cattive sorprese, in quanto il tappeto potrebbe diventare un covo per la formazione di tarme della lana.

Sconsigliamo vivamente trattamenti casalinghi, come ad esempio l’utilizzo di acqua con ammoniaca, aceto, bicarbonato, schiume, detergenti vari, saponi, vapore, lavaggi fai-da-te, ecc. Apparentemente il tappeto assume vigore, ma in realtà potrebbero essere stati recati dei danni molto gravi alle fibre di lana, seta e cotone. Il rischio principale inoltre riguarda i colori, in particolare quelli vegetali, i quali potrebbero risultare non idonei a sostanze dannose e ad un errato utilizzo della quantità di acqua. 

Prestate attenzione dunque ai lavaggi a basso costo che vi vengono proposti e ad aziende che eseguono lavaggi dozzinali e tintorie.